Di Zucche, di Scarpe e del dilemma di Nora Ephron


nora-ephron
Passato Natale si toglie l’albero, si rimettono a posto le mille luci sparse insieme alle candele nella nostra casa e proprio mentre sono in equilibrio su me stessa e su un gradino per tirare via l’ultima lucina, proprio quella in alto a sinistra, sento il tallone che si sposta all’indietro, l’equilibrio che vacilla e l’ing. che grida “attenta”. Ecco che vedo qualcosa di molto giallo, per fortuna ben incastrato nel fermalibri, perchè posso dire mi ha dato una discreta mano a salvarmi da una potenziale e rovinosa caduta, lo afferro e per un attimo resto in equilibrio, poi riacquisto il mio aplomb e scendo con dignità dalla scaletta. Il libro in questione era “il mio collo mi fa impazzire” di Norah Ephron, un libro che mi aveva divertito molto e che avevo letto tempo fa, diverso tempo fa. Così, nostalgica e grata lo tiro giù e lo inizio a sfogliare. E mentre lo faccio penso che è vero, dopo i 40, il numero delle mie scarpe è salito esponenzialmente, il mio collo, come i miei capelli portano i segni del tempo e, cosa meno piacevole, solo ora me ne rendo conto, mi toccherà aspettare il prossimo Natale per chiedere un collo nuovo!  Così sfoglio le pagine, oramai ingiallite di Norah, leggo frasi che mi fanno non più ridere ma sorridere, guardo le mie scarpe, tutte basse, comode e forse non sempre così femminili come gli standard indirettamente impongono. Ma io sono così, dentro di me grido sempre “resistenza!”. Ad ogni modo ogni volta che guardo quelle donne che leggiadre corrono calzando delle ballerine, ecco è proprio lì che mi sale il nervoso. Le guardo, loro, e poi guardo me con la sciarpa, il cappello, la borsa a tracolla piena di libri e spesso dei compiti dei miei studenti e poi abbasso lo sguardo verso i miei piedi, ed eccole che le vedo lì che mi fissano. Le mie bellissime scarpe, confortevoli anfibi di vernice nera che mi strizzano l’occhio sinistro, mi sorridono e mi ricordano che malgrado il tempo passi, potrò sempre indossare scarpe come quelle. Alzo di nuovo gli occhi, sorrido guardando la copertina gialla di Norah e dico :”vabbè, prendiamo la zucca che è quasi ora di cena!”.

nora-ephron-2

RISOTTO CON ZUCCA E NOCI

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 grammi di zucca pulita
  • 5 noci
  • 1/2 cucchiaino di paprika
  • 50 ml di latte
  • brodo vegetale
  • 50 grammi di grana stagionato
  • 240 grammi di riso carnaroli
  • olio di zucca
  • 1 cucchiaino di burro

PREPARAZIONE:

  1. preparate una crema di zucca, facendo andare la verdura coperta tagliata a cubetti, con il burro, il latte, la paprika e il sale. Quando è cotta frullate il tutto in modo da ottenere appunto una crema.
  2. fate tostare il riso a secco per 2 minuti, poi unite il brodo vegetale e un cucchiaio di crema di zucca. Continuate in questo modo, ovvero alternando brodo e crema, fino a quando il risotto non sarà cotto, ci vorranno 15 minuti circa per la varietà del carnaroli.
  3. una volta pronto, togliete dalla fiamma e mantecate con il grana.
  4. impiattate e guarnite con i gherigli di noce tritati ed un filo di olio di zucca.

 

Annunci

Pesto all’aglio Orsino, ottimo per la pasta, il risotto o il pane


Pesto di Aglio Orsino, una piacevole scoperta
Recipe Type: Primo piatto
Author: Germana
Prep time: 10 mins
Total time: 10 mins
Serves: 4
Dopo due anni che vivo in Alto Adige e che ne sento parlare mi sono finalmente decisa a provare l’aglio orsino. Si tratta di una pianta aromatica che cresce spontanea in molti boschi da queste parti come anche in Germania e Austria, ma che io non mi azzardo a raccogliere perché non conosco affatto le erbe spontanee. Sicché l’ho comprato spinto dalla curiosità di provarlo, anche perché in molti mi avevano detto che abbinato agli asparagi bianchi era davvero strepitoso. Comunque se vi state chiedendo che aspetto abbia l’aglio orsino vi dico subito che é un’erba aromatica quindi é in foglia. Se lo assaggiate assoluto ha un delicatissimo retrogusto di aglio. Questo vi permette di usarlo anche tritato nell’insalata. Io ho preparato un pesto che ho usato in parte per condire gli asparagi bianchi ed in parte per preparare un delizioso risotto. Ma vi dico già che é ottimo anche spalmato sul pane! Pesto di aglio orsino.
Ingredients
  • Un mazzetto di aglio orsino
  • olio e.v.o abbondante
  • sale
  • 10 grammi di mandorle tostate
  • 1 cucchiaio raso di grana o formaggio stagionato
  • una spruzzata di limone
Instructions
  1. Lavate e asciugate bene le foglie dell’aglio orsino
  2. mettete tutti gli ingredienti secchi in un frullatore e azionate versando l’olio a filo
  3. infine aggiustate di sale se necessario e aggiungete una spruzzata di limone