Di Zucche, di Scarpe e del dilemma di Nora Ephron


nora-ephron
Passato Natale si toglie l’albero, si rimettono a posto le mille luci sparse insieme alle candele nella nostra casa e proprio mentre sono in equilibrio su me stessa e su un gradino per tirare via l’ultima lucina, proprio quella in alto a sinistra, sento il tallone che si sposta all’indietro, l’equilibrio che vacilla e l’ing. che grida “attenta”. Ecco che vedo qualcosa di molto giallo, per fortuna ben incastrato nel fermalibri, perchè posso dire mi ha dato una discreta mano a salvarmi da una potenziale e rovinosa caduta, lo afferro e per un attimo resto in equilibrio, poi riacquisto il mio aplomb e scendo con dignità dalla scaletta. Il libro in questione era “il mio collo mi fa impazzire” di Norah Ephron, un libro che mi aveva divertito molto e che avevo letto tempo fa, diverso tempo fa. Così, nostalgica e grata lo tiro giù e lo inizio a sfogliare. E mentre lo faccio penso che è vero, dopo i 40, il numero delle mie scarpe è salito esponenzialmente, il mio collo, come i miei capelli portano i segni del tempo e, cosa meno piacevole, solo ora me ne rendo conto, mi toccherà aspettare il prossimo Natale per chiedere un collo nuovo!  Così sfoglio le pagine, oramai ingiallite di Norah, leggo frasi che mi fanno non più ridere ma sorridere, guardo le mie scarpe, tutte basse, comode e forse non sempre così femminili come gli standard indirettamente impongono. Ma io sono così, dentro di me grido sempre “resistenza!”. Ad ogni modo ogni volta che guardo quelle donne che leggiadre corrono calzando delle ballerine, ecco è proprio lì che mi sale il nervoso. Le guardo, loro, e poi guardo me con la sciarpa, il cappello, la borsa a tracolla piena di libri e spesso dei compiti dei miei studenti e poi abbasso lo sguardo verso i miei piedi, ed eccole che le vedo lì che mi fissano. Le mie bellissime scarpe, confortevoli anfibi di vernice nera che mi strizzano l’occhio sinistro, mi sorridono e mi ricordano che malgrado il tempo passi, potrò sempre indossare scarpe come quelle. Alzo di nuovo gli occhi, sorrido guardando la copertina gialla di Norah e dico :”vabbè, prendiamo la zucca che è quasi ora di cena!”.

nora-ephron-2

RISOTTO CON ZUCCA E NOCI

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 grammi di zucca pulita
  • 5 noci
  • 1/2 cucchiaino di paprika
  • 50 ml di latte
  • brodo vegetale
  • 50 grammi di grana stagionato
  • 240 grammi di riso carnaroli
  • olio di zucca
  • 1 cucchiaino di burro

PREPARAZIONE:

  1. preparate una crema di zucca, facendo andare la verdura coperta tagliata a cubetti, con il burro, il latte, la paprika e il sale. Quando è cotta frullate il tutto in modo da ottenere appunto una crema.
  2. fate tostare il riso a secco per 2 minuti, poi unite il brodo vegetale e un cucchiaio di crema di zucca. Continuate in questo modo, ovvero alternando brodo e crema, fino a quando il risotto non sarà cotto, ci vorranno 15 minuti circa per la varietà del carnaroli.
  3. una volta pronto, togliete dalla fiamma e mantecate con il grana.
  4. impiattate e guarnite con i gherigli di noce tritati ed un filo di olio di zucca.

 

Annunci

Riso Primavera a modo mio


Riso Primavera 1
Giusto per rimettere le cose a posto sono riuscita a fotografare il mio pranzo. Dopo il lavoro ma prima del ritorno dell’ing e della sirenetta ho afferrato la macchina fotografica e mi sono detta :”ora o mai più”. E così finalmente dopo tanti dolci un piatto salutare e gustoso. Detta così sembra che stiamo a mangiar torte ma come vi ho già detto nel precedente post i piatti salati non si riescono mai a fotografare in questa casa.  Siamo grandi consumatori di verdure ed a pranzo prediligo sempre un piatto semplice e completo, così la maggiorparte delle volte mangiamo un cereale in abbinamento con più verdure. Io di solito utilizzo il riso o il cous cous integrale, ma questo splendido riso – un carnaroli bianco – ce lo ha regalato un amico piemontese, acquistato direttamente da un produttore locale quindi meglio di così. Per le verdure come ho scritto la primavera è a modo mio, ovvero con le verdure che ho nel frigo. In questo caso: zucchine, porri, carote e qualche pomodorino, poi erba cipollina come se piovesse.
Riso Primavera 2

INGREDIENTI per 4 persone:

  • 280 grammi di riso – ricordatevi che è piatto unico –
  • 5 zucchine – 500 grammi in tutto –
  • 1 porro
  • 2 carote
  • 4 pomodorini datterini
  • olio e.v.o
  • erba cipollina
  • sale q.b
  • pepe macinato fresco

PREPARAZIONE

  1. mettete l’acqua del riso
  2. tagliate prima i porri e le carote, poi fateli andare in una padella antiaderente con olio evo e sale
  3. quando l’acqua bolle versate il riso e aggiungete le zucchine e i pomodorini nella padella
  4. fate cuocere le verdure a fuoco medio
  5. appena il riso è cotto scolatelo e saltatelo nella padella aggiungendo ancora un filo di olio e un abbondante trito di erba cipollina
  6. pepate e portate in tavola

Magari prima fate una foto!

Pomodori al Riso per una cena in giardino


pomodori con riso
Una delle prime cene in giardino, caldo anche in montagna ma con serate piacevolmente fresche e leggermente ventilate. Un gruppo di amici, del buon vino ed una cena a base di verdure. Vi dirò quello che abbiamo mangiato ma che non sono riuscita a fotografare. In questo periodo dell’anno cucino molto, mi incontro spesso con gli amici ma non riesco a fotografare molto quello che mangiamo. La voglia di stare fuori in compagnia é tanta, il lavoro anche e mi capita spesso di organizzare cene in cui mi perdo nelle chiacchiere sui figli, sui libri e sulle ricette delle cose che cucino, che alla fine mi rendo conto di non essere riuscita a fotografare niente. Ma é estate e ci vuole relax. Vi dico il menù della serata.
pomodori al riso 2
– Pomodori al Riso

  • Melanzane al forno con yogurt greco e harissa
  • crema di robiola con erba cipollina e nocciole , uno spread da spalmare sul pane

  • macedonia di frutti rossi (fragole, ciliegie e susine rosse) con vaniglia e gelato allo yogurt
    pomodori al riso 3
    Veniamo alla ricetta dei pomodori con il riso, così come li preparava la mia nonna Margherita, lei era romana quindi la ricetta é così come li cucinava lei nella sua città.

INGREDIENTI:

  • 2 cucchiai di riso parboiled per per pomodoro
  • pomodori grandi rossi e tondi, almeno 2 per commensale
  • basilico e origano
  • 1 cucchiaino di parmigiano per pomodoro
  • olio extra vergine abbondante
  • 1 spicchio d’aglio grande – per 10 ospiti – vedete voi quanto vi piacciono agliosi
  • 2 pomodori grandi extra – sempre per 10 ospiti –

PREPARAZIONE:

  1. la sera prima frullate i pomodori extra con l’aglio, una presa di sale, le erbe aromatiche, 2 cucchiai di olio e il parmigiano
  2. condite il riso da crudo con questa salsa e lasciatelo riposare tutta la notte
  3. il giorno dopo svuotate i pomodori, tenendo da parte la calotta, salateli leggermente e fateli riposare per un’ora in modo che perdano l’acqua in eccesso
  4. scolateli e riempiteli con il riso, copriteli con le loro calotta ed adagiateli in una teglia da forno con delle patate tagliate
  5. condite con abbondante olio – contribuirà a far venire una bella crosticina croccante sul riso, e cuocete in forno già caldo a 200 gradi per 40 minuti
  6. serviteli freddi

Cereali, Verdure, Primavera e Pensieri


insalata di cereali 2 Una settimana di Primavera di quelle che scaldano il cuore. Bucaneve che fanno capolino tra l’erba, giunchiglie selvatiche che si affacciano timide e un cielo così intensamente azzurro da trasformare gli occhiali da sole da un gadget alla moda e opzionale a un obbligo di legge per la salvaguardia della vista. Lunghe passeggiate in bicicletta che lasciano spazio ai pensieri di farsi largo nella mente, pensieri piacevoli di quelli che ci sorprendono  nella loro retoricità, come mia figlia che mentre legge “Piccole Donne” mi dice “mamma io sono Amy e tu chi sei?”, e mi ricorda me alla sua età. Così diverse ma così simili nel modo di percepire la realtà circostante, “così lontane e così vicine” giusto per citare.
cereali 3
Lei che mi conferma di continuo una verità in cui credo da non so più quanto. I figli ci amano a prescindere solamente fino a quando siamo necessari alla loro sopravvivenza, poi diventano delle piccole persone il cui amore e rispetto va conquistato e guadagnato giorno per giorno. Pertanto penso proprio che quando io le piccola Sirenetta ci abbracciamo e ci diciamo  che ci meritiamo l’una con l’altra, sia davvero il più bel complimento che ci possiamo fare. A proposito io in Piccole Donne sono rigorosamente Jo e voi?
cereali insalata 1
Ma come arriviamo alla ricetta? così con i pensieri che si perdono e si ritrovano in un piatto semplice, improvvisato leggero e croccante come i miei pensieri di primavera che si trasformano così in un’insalata di cereali e verdure.

INGREDIENTI per 4 persone:

  • 320 grammi di cereali misti riso, farro e orzo (io uso il Gallo)
  • 1 barattolo di antipasto sott’olio ( non mi falcidiate ma trovo quello della lidl    davvero delizioso)
  • 200 grammi di fagioli già cotti, io ho trovato quelli con l’occhio ma anche i cannellini andranno benissimo
  • 1 avocado
  • 120 grammi di tonno in olio di oliva
  • succo di mezzo limone
  • una manciata di origano fresco

PREPARAZIONE

  1. cuocete in acqua bollente e salata i vostri cereali  (circa 13 minuti)
  2. scolatelo, trasferitelo in un’insalatiera e conditelo con il succo di mezzo limone
  3. una volta freddo condite con le verdure scolate dal loro olio, il tonno, i fagioli scolati e lavati e l’avocado tagliato a tocchetti e l’origano
  4. aggiustate di sale e di olio e.v.o se necessario
  5. lasciate insaporire la vostra insalata per almeno 2 ore prima di mangiarla

Pollo con Cipolle Caramellate e Riso al Cardamomo da Yotam Ottolenghi


ottolenghi pollo 2

Avevo letto del libro di Yotam Ottolenghi e Sami Tamimi “Jerusalem” in occasione dello Sarbooks, e avevo letto anche sempre buone cose delle sue ricette da parte delle food blogger che seguo e che avevano provato diversi piatti tratti dai suoi libri. Così alla fine non ho resistito ed ho acquistato questo libro, ma sto già fremendo per Plenty, la curiosità é un brutto vizio che non mi abbandona. Jerusalem é un libro da cui emerge la multiculturalità di una città di appena 4000 anni in cui convivono le tre più grandi religioni del popolo terrestre a cui noi tutti apparteniamo. Si tratta di una cucina fatta di verdure ripiene, riso, pollo e insalate. L’insieme delle spezie e sapori che si respirano leggendo questo libro é quasi commovente. A me intanto é venuta voglia di provare questo pollo con il riso al cardamomo e visto che l’ing. era d’accordo e che la Sofia mangia praticamente qualunque cosa sia speziata abbiamo azzardato, e ci siamo goduti una serata piena di profumi e di atmosfera.

Pollo Ottolenghi1

Pollo Con Cipolle Caramellata e Riso al Cardamomo:

INGREDIENTI:

  • 25 grammi di mirtilli rossi essiccati
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • 250 grammi di cipolle affettate
  • 1 kg di pollo in pezzi
  • spezie: 10 bacche di cardamomo, 2 stecche di cannella, 1 cucchiaino e mezzo di chiodi di garofano macinati
  • 300 grammi di riso basmati
  • 550 ml di acqua bollente
  • sale q.b.
  • pepe
  • coriandolo tritato

PREPARAZIONE:

  1. Fate ammollare i mirtilli rossi in acqua per circa 1o minuti, nel frattempo fate andare la cipolla affettata con due cucchiai di olio a fiamma bassa fino a quando sarà ben dorata ma non bruciata.
  2. Mettere il pollo in una ciotola con le spezie, il restante olio, sale e pepe. Mescolare e lasciare da parte
  3. Quando la cipolla é pronta toglierla dalla padella e metterla in un piatto. A questo punto mettete il pollo nella padella calda e fatelo dorare bene su tutti i lati, dovete sigillarlo. Dovrà cuocere per circa 10 minuti
  4. Togliere anche il pollo dalla pentola e versarvi il riso, le cipolle caramellate, i mirtilli rossi , una punta di sale e girare il tutto in modo che i sapori si amalgamino.  Adagiare il pollo sul riso, versare l’acqua bollente e far cuocere a fuoco basso con il coperchio per 30 minuti, senza mai aprire il coperchio o girare.
  5. Infine togliere dal fuoco, coprire con un panno e con il coperchio e far riposare 10 minuti prima di servire con il coriandolo tritato fresco.

Come avete visto si tratta di una ricetta un pochino più elaborata che richiede qualche passaggio, ma il risultato é eccellente. Un paio di precisazioni: se non trovate il coriandolo sostituitelo con il prezzemolo, io ho utilizzato un mix di riso basmati e selvaggio. Infine ho servito il piatto accompagnandolo con dello yogurt, ebbene si sono yogurt addicted, mescolato con una punta di curcuma.

 

Involtini con Verza, Riso e Feta


Involtini con Verza, Riso e Paprika
Recipe Type: Primo piatto
Author: Germana
Prep time: 25 mins
Cook time: 10 mins
Total time: 35 mins
Serves: 4
Quanti tipi di verze, cavoli e broccoli ci regala l’autunno? da queste parti davvero tanti. Quindi mi sto ingegnando per trovare ricette sfiziose per gustare queste buone verdure anche come piatto unico. In realtà la ricetta dell’involtino di verza e riso é una ricetta tipica della mia infanzia, infatti mia madre la preparava spessissimo. Io l’ho leggermente rivisitata aggiungendo del formaggio, della paprika e della cipolla. Se volete potete aggiungere. come ho fatto io, anche della salsiccia sbriciolata magari con qualche seme di finocchio. Eccovi dunque la ricetta: involtini di verza con riso e paprika!
Ingredients
  • 200 grammi di riso parboiled
  • 10 foglie di verza grande sbollentate
  • 1 salsiccia a grana grossa
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio
  • mezza cipolla rossa
  • 3 cucchiai di grana
  • 100 grammi di feta
  • olio e .v.o.
  • paprika
  • erba cipollina
Instructions
  1. sbollentate appena il riso in acqua salata – 5 minuti –
  2. poi fatelo andare in padella con l’olio, la cipolla, la salsiccia, la paprika e i semi di finocchio pestati per altri 5 minuti
  3. lasciate riposare il riso da una parte per almeno 1 ora
  4. nel frattempo cuocete le foglie grandi di verza in acqua bollente e salata, scolatele dopo 5 minuti e fatele asciugare
  5. quando é tutto freddo condite il riso con la feta
  6. a questo punto riempite le foglie, una per una, con il condimento di riso, chiudetele come un involtino ed adagiatele in una pirofila
  7. condite con olio e grana e passate in forno caldo a 170 gradi per 10 minuti
  8. serviteli caldi spolverati di paprika e erba cipollina