Curry di Patate Dolci,Ceci e Latte di Cocco con la Slow Cooker


Curry verdure
Ricordo che in qualche post passato vi avevo accennato al mi nuovo acquisto: la slow cooker, in particolare della Crock Pot. Ero riluttante, devo ammetterlo, poi su consiglio di un collega mi sono fatta convincere ad acquistarne ben due. Una era poca, evidentemente. E chiunque stia pensando “che bello voglio anche io una slow cooker” vi dico di acquistarla su Amazon.uk perché nettamente più economica di un qualunque sito italiano o tedesco. Ad ogni modo si tratta di una pentola di tradizione inglese e nord europea che cucina a bassa temperatura e molto lentamente. Un esempio: curry di verdure 5 ore, ossobuco 8 ore. La cosa veramente comoda è che con il timer potete programmarla ed uscire ad andare a lavorare e al momento del rientro a casa, magia la cena è pronta. Inoltre tutti i nutrienti non verranno dispersi, la cottura lascia il cibo altamente digeribile e, nel caso della carne, potrete utilizzare anche tagli più poveri perché verranno tenerissimi. Io ci sto prendendo la mano, soprattutto con la quantità di liquidi da utilizzare e la mia conclusione è che non ne va utilizzato molto proprio perché non evapora. Quindi sì la parte liquida serve ma non troppa. Ad esempio su 1 kg di peso di carne o di verdure, saranno sufficienti 500/600 ml di liquido (passata di pomodoro, acqua, brodo). Veniamo al curry di verdure, è delizioso e aromatico, profumato e leggero. Noi lo abbiamo mangiato con del riso pilaf e posso assicurarvi che farlo arrivare alla foto è stata dura. Un’ultimo accorgimento: io, contrariamente ai consigli del mio collega, non metto tutto dentro e tutto insieme, preparo comunque prima un fondo di cottura per rafforzare il sapore finale.

INGREDIENTI per 6 persone

  • 2 cucchiai di olio di sesamo o di girasole
  • 1 cipolla dolce grande
  • sale una presa
  • 1 patata dolce media
  • 1 cucchiaino di curry mild + 1 cucchiaino di zucchero di canna + un cucchiaino scarso di cumino macinato
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattuggiato
  • 1 spicchio di aglio spremuto
  • 150 ml di brodo vegetale
  • 150 grammi di ceci secchi e cotti
  • 1 peperone rosso medio piccolo
  • 1 peperone verde medio piccolo
  • 400 grammi di cavolfiore pulito e tagliato a rosette
  • 300 ml di polpa di pomodoro
  •  70 grammi di spinacini
  • 125 ml di latte di cocco
  • 1 cucchiaio di farina
  • qualche foglia di lemongrass

PREPARAZIONE

  1. lavare a tagliare tutte le verdure. Poi in una padella far dorare la cipolla con l’olio, le spezie e lo zucchero. Aggiungere la farina facendola tostare appena e versare metà del brodo. In questo modo avete preparato il fondo che darà sapore al vostro curry.
  2. ora trasferite il fondo con le verdure tranne gli spinacini, il brodo, la polpa di pomodoro e un’abbondante presa di sale, nella slow cooker già calda su high e lasciate cuocere per 4 ore
  3. trascorso questo tempo, aggiungete il latte di cocco,  aggiustate di sale se vi piace e lasciate cuocere ancora per 1 ora.
  4. Quando è pronto, spostate il cursore su warm e al momento di servire aggiungete gli spinacini.

 

 

Annunci

Polpette di lenticchie e patate rosse, e non è una ricetta per San Valentino


Polpette di lenticchie
Sì ecco proprio non è una ricetta per San Valentino, e chi mi conosce sa che ho utilizzato la maiuscola solo per rispetto della lingua che parlo. Perché se c’è una cosa che detesto più di Lightroom è la sfilza di festività commerciali che ci attanaglia. Da San Valentino festa in cui si celebra la data della morte del santo, alquanto buffo mi vien da pensare, fino ad arrivare alla festa della mamma. Alla fine sono sempre coinvolta in queste feste che non celebro nella triplice condizione di mamma, amata e amante. Però è un’ottima ricetta che potete preparare in ogni giorno dell’anno. Non è particolarmente veloce ma di sicuro piacere. La cosa è andata più o meno così, l’ing. al telefono mi racconta di uno dei suoi peggiori pranzi della sua vita, culinariamente parlando e io ero rientrata dopo una brutta mattinata a scuola, una di quelle da strage dei “non innocenti”. Quello che faccio quando rientro di questo umore è mettermi a cucinare. Avevo del tempo quel pomeriggio e della voglia di sporcarmi le mani. Così ho fatto partire il giradischi, Chet Baker ha iniziato a suonare la tromba ed io sono andata in dispensa.
Polpette di lenticchie 2

INGREDIENTI per 4 persone:

  • 150 grammi di lenticchie rosse decorticate
  • 1 patata dolce 150 grammi circa
  • 1 cipolla rossa media
  • 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere, 1/2 cucchiaino di cumino in polvere e una punta di curcuma
  • 1 uovo
  • sale e pepe
  • yogurt bianco
  • 1 cucchiaino di sumac
  • semi di sesamo per avvolgere le polpette

PREPARAZIONE

  1. sbucciate e tagliate a tocchetti la patata dolce e la cipolla
  2. mettetele insieme alle lenticchie in una pentola dai bordi alti con dell’olio di oliva, le spezie, il sale e coprite con acqua bollente
  3. fate cuocere il tutto per circa 35 minuti
  4. assaggiate di sale e frullate con il mixer il vostro composto, poi lasciate freddare completamente
  5. a questo punto aggiungete l’uovo leggermente sbattuto e amalgamate il tutto
  6. con le mani leggermente umide formate delle palline e passatele nei semi di sesamo
  7. fate riposare ancora le polpette nel frigorifero per un’ora e poi cuocetele a 220 gradi in forno caldo, su una teglia con dell’olio di semi di canola. Potrete utilizzare anche olio di arachide, considerando che la temperatura è alta.
  8. lasciate cuocere per 30 minuti circa, girando le polpette almeno una volta.
  9. nel frattempo lavorate lo yogurt con il sumac e mangiatele calde con la salsa di yogurt

 

Polpettone, Jamie Oliver Style


polettone

Week end nevoso trascorso in casa in compagnia di amici. Come già sapete, almeno chi mi legge, amo cucinare ma non amo “smazzarmi” in cucina. Ovvero mi piace godermi i pranzi con gli amici, chiacchierare con loro, bere un bicchiere di vino ed assentarmi solo per poco, giusto il tempo di andare a prendere le pietanze che gusteremo insieme. Così mi lascio spesso inspirare da cuochi come Jamie Oliver. Vi dirò che ogni volta che abbiamo ospiti, l’ing. si aggira preoccupato per casa perché non mi sente troppo spentolare. Ma cosa dire: l’organizzazione é veramente quasi tutto, se poi mettiamo insieme organizzazione, materie prime ed estro allora il risultato é garantito. Ultimamente anche la piccola cavallerizza, alias sirena, ha iniziato a cucinare con me ed é molto brava. Si é addirittura comprata un ricettario dove prendere appunti, anzi per dirla in stile “Meine besten Rezepte” , così tutta orgogliosa, prima mi ha aiutata a prepararlo e poi si é scritta  la ricetta di questo polpettone inspirato a Jamie Oliver, ma che ha delle proporzioni molto precise e sono 6,3,2. Ora capirete il perché: 600 grammi di carne bianca, 300 grammi di ricotta e 200 grammi di pancetta, semplicissimo sembra quasi una filastrocca di Mary Poppins, non credete?

Per le spezie e gli aromi lasciatevi guidare dal vostro gusto, io ho messo aglio rosso, rosmarino tritato, noce moscata e pepe.

INGREDIENTI per 8 persone:

  • 600 grammi di carne bianca macinata
  • 300 grammi di ricotta
  • 200 grammi di pancetta coppata
  • 2 spicchi di aglio rosso
  • mezzo cucchiaino di noce moscata
  • 1 rametto di rosmarino intero + qualche ago da tritare
  • sale q.b. ma non troppo perché già la pancetta é salata
  • pepe di sichuan

PREPARAZIONE

  1. in una ciotola mescolate insieme la carne la ricotta, la noce moscata, il pepe, il sale e il rosmarino tritato
  2. formate un rotolo con l’impasto, appunto un polpettone
  3. poi avvolgetelo nelle fette di pancetta
  4. prendete una teglia da forno, ungetela con olio extra vergine di oliva -poco -aggiungete il rametto di rosmarino e i due spicchi di aglio
  5. cuocete il vostro polpettone coperto in forno caldo e ventilato a 170 gradi per 30 minuti
  6. poi scopritelo e fate cuocere ancora per altri 15 minuti avendo cura di girarlo e bagnarlo con il suo sugo
  7. tagliatelo da freddo e poi semplicemente scaldatelo già affettato

 

La Tajine di Pollo, Ceci e Vaniglia profumo di Marocco


Tajine 3C’era una volta, in un paese lontano, una pentola con un cono al posto del coperchio. I bambini di quel paese pensavano fosse la fata dei tegami, ed avevano ragione, perché questa pentola magica compie l’incantesimo di trasformare i cibi in deliziose prelibatezze. L’ing, che ben conosce i miei gusti, mi ha regalato questa bellissima Tajine della Creuset., ed io ho già provato alcune ricette. La prima é quella presa dal sito del Cavoletto, con qualche piccola variazione da me apportata, e si tratta di una Tajine di pollo ceci e vaniglia. Arturo é rimasto attaccato alla finestra del giardino fino a quando non é stata pronta e non ne ha potuto avere una piccola porzione.
Tajine 2

La cavallerizza, che ultimamente si sta scoprendo anche nuotatrice e quindi forse mi toccherà soprannominarla sirenetta, ha divorato il suo piatto. Io naturalmente non mi faccio mica parlare dietro e quindi quella che vi presento oggi é la pentola vuota perché non é rimasto nemmeno un pezzetto di carne né un miserrimo cecio. Quindi ecco a voi la Tajine ora vuota ma che un tempo era piena di pollo, ceci e vaniglia.
Tajine 1

INGREDIENTI per 3 persone

  • 6 cosce di pollo
  • 1 barattolo di ceci precotti
  • mezza cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • olio di oliva 2 cucchiai
  • burro 20 grammi
  • 2 cucchiaini di garam masala
  • una punta di cucchiaino di harissa in polvere
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di coriandolo
  • 1/2 cucchiaino di paprika
  • sale e pepe nero
  • prezzemolo o coriandolo fresco
  • 100 ml di passata di pomodoro

PREPARAZIONE:

  1. schiacciate l’aglio con uno spremiaglio e affettate le cipolle
  2. mettete il tutto nella base della Tajine con l’olio, il burro e le spezie
  3. fate andare fino a quando la cipolla si sarà a  ammorbidita e non vi sarà venuta voglia di andare in Marocco
  4. aggiungete le cosce di pollo appena salate, versate la passata i ceci e fate cuocere con il coperchio a fuoco bassissimo per 10 minuti
  5. aggiungete la vaniglia, aggiustate di sale, coprite ancora e fate cuocere per 50 minuti sempre a fuoco basso
  6. io ho servito la tajine con un riso selvaggio misto al basmati cotto al vapore.

Pollo con Cipolle Caramellate e Riso al Cardamomo da Yotam Ottolenghi


ottolenghi pollo 2

Avevo letto del libro di Yotam Ottolenghi e Sami Tamimi “Jerusalem” in occasione dello Sarbooks, e avevo letto anche sempre buone cose delle sue ricette da parte delle food blogger che seguo e che avevano provato diversi piatti tratti dai suoi libri. Così alla fine non ho resistito ed ho acquistato questo libro, ma sto già fremendo per Plenty, la curiosità é un brutto vizio che non mi abbandona. Jerusalem é un libro da cui emerge la multiculturalità di una città di appena 4000 anni in cui convivono le tre più grandi religioni del popolo terrestre a cui noi tutti apparteniamo. Si tratta di una cucina fatta di verdure ripiene, riso, pollo e insalate. L’insieme delle spezie e sapori che si respirano leggendo questo libro é quasi commovente. A me intanto é venuta voglia di provare questo pollo con il riso al cardamomo e visto che l’ing. era d’accordo e che la Sofia mangia praticamente qualunque cosa sia speziata abbiamo azzardato, e ci siamo goduti una serata piena di profumi e di atmosfera.

Pollo Ottolenghi1

Pollo Con Cipolle Caramellata e Riso al Cardamomo:

INGREDIENTI:

  • 25 grammi di mirtilli rossi essiccati
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • 250 grammi di cipolle affettate
  • 1 kg di pollo in pezzi
  • spezie: 10 bacche di cardamomo, 2 stecche di cannella, 1 cucchiaino e mezzo di chiodi di garofano macinati
  • 300 grammi di riso basmati
  • 550 ml di acqua bollente
  • sale q.b.
  • pepe
  • coriandolo tritato

PREPARAZIONE:

  1. Fate ammollare i mirtilli rossi in acqua per circa 1o minuti, nel frattempo fate andare la cipolla affettata con due cucchiai di olio a fiamma bassa fino a quando sarà ben dorata ma non bruciata.
  2. Mettere il pollo in una ciotola con le spezie, il restante olio, sale e pepe. Mescolare e lasciare da parte
  3. Quando la cipolla é pronta toglierla dalla padella e metterla in un piatto. A questo punto mettete il pollo nella padella calda e fatelo dorare bene su tutti i lati, dovete sigillarlo. Dovrà cuocere per circa 10 minuti
  4. Togliere anche il pollo dalla pentola e versarvi il riso, le cipolle caramellate, i mirtilli rossi , una punta di sale e girare il tutto in modo che i sapori si amalgamino.  Adagiare il pollo sul riso, versare l’acqua bollente e far cuocere a fuoco basso con il coperchio per 30 minuti, senza mai aprire il coperchio o girare.
  5. Infine togliere dal fuoco, coprire con un panno e con il coperchio e far riposare 10 minuti prima di servire con il coriandolo tritato fresco.

Come avete visto si tratta di una ricetta un pochino più elaborata che richiede qualche passaggio, ma il risultato é eccellente. Un paio di precisazioni: se non trovate il coriandolo sostituitelo con il prezzemolo, io ho utilizzato un mix di riso basmati e selvaggio. Infine ho servito il piatto accompagnandolo con dello yogurt, ebbene si sono yogurt addicted, mescolato con una punta di curcuma.

 

Frittata di Patate o Tortilla di patate?


Questo week end di marzo é stato meraviglioso, un primo assaggio di primavera. Tanto sole, cielo turchese e temperature miti ci hanno accompagnato nel nostro primo sabato di giardinaggio. Abbiamo pulito le siepi, tolto buste e buste di foglie vecchie, iniziato a pensare a come impostare l’orto, insomma un week end di tutto relax coronato da una piacevole cena con amici. Visto che le temperature invogliavano a mangiare qualcosa di fresco e leggero ho pensato di preparare questa frittata di patate, accompagnata naturalmente da altre delizie che vi proporrò più avanti e da una buona birra. La mia amica, neanche mi leggesse nel pensiero, mi ha portato del buonissimo sale aromatizzato alle erbe da macinare fresco. E così ci siamo gustati tutti insieme una deliziosa frittata di patate con una macinata fresca di sale aromatico.

INGREDIENTI:

  • 6 uova
  • 1/2 cipolla
  • Olio e.v.o.
  • pepe
  • 5 patate medie – non quelle farinose-
  • 60 grammi di parmigiano grattuggiato
  • sale
PREPARAZIONE:
  1. lavate e tagliate le patate
  2. fatele rosolare in una padella con l’olio, salate, coprite e portatele a quasi cottura a fiamma medio bassa (8 minuti circa)
  3. aggiungete la cipolla e fate dorare il tutto
  4. nel frattempo sbattete le uova con il grana, il pepe e una presa di sale
  5. versate il composto di uova nella padella con le patate e portate a cottura da entrame i lati

Kofta di manzo con Pita e Yogurt di Jamie Oliver


Kofta di manzo con Pita e Yogurt e la cuocavolante vole nel 21 secolo
Recipe Type: secondo piatto
Author: Germana
Prep time: 15 mins
Cook time: 15 mins
Total time: 30 mins
Serves: 4
Buon lunedì a tutti, oggi la cuocavolante vi annuncia che finalmente é entrata nel 21 secolo! ebbene si dopo decenni di onorato servizio il mio cellulare mi ha lasciata. Al suo posto é entrato uno smartphone che non ho ancora ben capito come si usa! per festeggiare tutto questo ci vuole un piatto che sa di lontano, di spezie e tramonti e così ho pensato alle kofta nella versione british di Jamie Oliver in 15 minuti. Stiamo diventando moderni quindi ci vuole modernità ovvero velocità! comunque le kofta che sono polpette dovrebbero essere fatte con agnello ma io ho utilizzato il manzo, più delicato e più semplice da trovare!Per le kofta vi serviranno delle spezie, io ho usato il garam masala e la paprika, e poi le ho gustate dentro la pita con la salsa di yogurt e menta! una delizia di cena in 15 minuti!
Ingredients
  • 500 grammi di polpa di manzo macinata
  • 1 cucchiaino di garam masala
  • 1 cucchiaino di paprika
  • sale q.b
  • per la salsa
  • 1 vasetto di yogurt greco
  • un mazzetto di menta fresca
  • succo di limone
Instructions
  1. mescolate la carne con le spezie e il sale e ricavatane delle polpette lunghe e un pochino schiacciate
  2. fate scaldare una padella con un filo di olio di semi e cuocetevi le vostre polpette
  3. nel frattempo lavorate lo yogurt con un cucchiaino di succo di limone e le foglie di menta tritate
  4. appena le polpette saranno pronte gustatele con la pita calda, la salsa e qualche pomodoro da insalata
  5. da bere una birra chiara fresca sarà perfetta!