Uova, Tartufo e Porcini sempre da Urbani. Aspettando Natale


uova-urbani-porcini-e-tartufo
Ultima tappa del tour nel mondo Urbani, e ancora una volta ha prevalso l’accoppiamento con l’uovo. Non so, sarà  dipendenza estatica ma l’insieme uova/tartufo secondo il più classico del mondo culinario è un’accoppiata goduriosa da morire. In più, in questa crema ci sono anche i porcini a rendere il tutto più cremoso e gustoso. Io li ho serviti su crostini di farro e olio e.v.o accompagnati da un buon prosecco. Un antipasto perfetto.

INGREDIENTI per 8 persone:

  •  6 uova bio
  • 3 cucchiai di latte
  • 1 cucchiaio raso di grana
  • 1 cucchiaino di erba cipollina tritata
  • 3 cucchiaini colmi di crema Tartufo e Porcini Urbani
  • un pizzico di sale
  • pepe nero macinato fresco

 

PREPARAZIONE:

  • sbattere le uova con il latte, il sale, il grana e la crema di tartufi
  • mettere un filo di olio in una padella antiaderente e far cuocere l’uovo avendo cura di lasciarlo un pochino lento
  • adagiarlo sui crostini, guarnire con l’erba cipollina e il pepe e servire in tavola

 

Vecchie conoscenze, nuova combinazioni: Cake al Tonno e Olive per una domenica piovosa


Cake tonno
Forse sarà il tema ricorrente del mio autunno, mettere insieme vecchie conoscenze e ricombinarle in modo diverse. Pomeriggio di castagne, primi freddi, girovaga in libreria a sfogliare libri di cucina vegetariana per trarre ispirazione e poi l’ing. che mi guarda con un sorriso che mi scalda sempre il cuore. Sulla strada del ritorno la piccola sirena sgranocchia caldarroste e ci fa compagnia con la sua voce, quando a un certo punto chiede “ma quanto tempo è che non invitiamo la mia amica al pranzo della domenica?” – italica tradizione- penso io e rispondo ” possiamo fare di meglio li invitiamo tutti”, allora l’ing. mi guarda – con preoccupazione stavolta – e mi fa notare che sono le 18.00 di sabato pomeriggio e che i negozi sono tutti chiusi. Ma lui non ricorda mai che la mia dispensa é meglio della borsa di Mary Poppins. Così combinando una vecchia conoscenza come il cake con il tonno e le olive verdi condite del salumiere qui in città, nuova conoscenza per me, ho tirato fuori dalla borsa questo delizioso cake al tonno con olive, pomodori e se vogliamo dirla tutta origano greco. Un raggio di sole in una domenica piovosa.
cake tonno 2
INGREDIENTI:

  • 3 uova bio
  • 180 grammi di farina
  • 110 ml di olio di oliva
  • 110 ml di latte intero
  • 100 grammi di formaggio grattugiato
  • mezza bustina di lievito
  • 120 grammi di tonno
  • 15 olive verdi condite e private del nocciolo – io ho utilizzato una varietà leggermente piccante –
  • pomodorini per guarnire
  • 1 cucchiaino raso di origano
  • una presa di sale

PREPARAZIONE

  1. mettere tutti gli ingredienti – tranne quelli della farcitura – in una bowl e lavorare con una forchetta fino ad ottenere un’impasto neanche troppo omogeneo
  2. scolare il tonno e le olive dal loro olio e aggiungerli tritati insieme all’origano e al sale all’impasto
  3. versare il tutto in uno stampo da cake rivestito di carta da forno e cuocere il forno statico a 180 gradi per 40 minuti circa

Il Caviar d’Aubergines che diventò un Babagonoush my way


babagonoush
“Cielo delle melanzane nel frigorifero!” dissi io di sabato pomeriggio aprendo il suddetto elettrodomestico “che bello !” aggiunsi. “una notizia straordinaria” aggiunse ironicamente l’ing. Ma era davvero una bellissima notizia per me. Giusto venerdì avevo sfogliato il blog della cucina di Calycanthus, a proposito adoro i suoi libri ma attenzione perché creano dipendenza, e c’era una versione sua del Caviar d’Aubergines, che mi aveva intrigato molto perché aggiungeva dello yogurt e così volevo provarla. Poi naturalmente mi ero scordata di comprare le melanzane ed ero nel pieno del giardinaggio con l’ing. e la sirena che raccoglieva lamponi, per cui nessuno aveva voglia di uscire a fare acquisti ortofrutticoli di alcun tipo. Quindi potete immaginare la gioia quando ho trovato le melanzane nel frigo. Mi metto all’opera per poter allegramente tartinare nella serata. Ma poi proprio mentre mescolo gli ingredienti, mi viene in mente che nell’ultimo week end ad Heidelberg avevo comprato un mix di spezie perfetto per il babaganoush e considerando che mia figlia adora le spezie in tutte le loro declinazioni – portatela in un ristorante libanese e la farete felice – ho provato a creare un Babagonoush my way.

babagonoush2
Ingredienti per 4 -6 persone:

  • 2 melanzane medie di quelle viola scuro o tigrate
  • mezzo cucchiaino di Köfte – mix di spezie composto da cumino, coriandolo, paprika, per me il cumino è in quantità maggiore –
  • succo di limone 1 cucchiaio
  • mezzo spicchio di aglio
  • 100 grammi di yogurt greco
  • presa di sale
  • prezzemolo a vostro gusto

PREPARAZIONE:

  1. tagliate le melanzane a metà e mettetela su una placca da forno rivestita di alluminio e fatele cuocere, con mezzo bicchiere d’acqua, in forno caldo a 170 gradi per 40 minuti circa o fino a quando la polpa sarà ben morbida da staccarsi
  2. una volta fredde privatele della polpa e mettetele in un frullatore con l’aglio, il sale, il limone ed il prezzemolo ed azionate in modo da ottenere una crema
  3. poi amalgamate la crema di melanzane con lo yogurt e le spezie
  4. lasciate risposare in frigorifero per un’ora prima di servire

Il Pane Ripieno al Tonno e Capperi di Mirella


Pane ripieno

La mia amica Mirella quest’anno mi ha piacevolmente sorpreso con una ricetta di sua invenzione: il Pane Ripieno al Tonno e Capperi. Dovete sapere che la mia cara amica ogni volta che mi invita a cena non mi fa portare mai nulla a parte i lamponi del mio giardino, la cui produzione é sempre tanto prolifica da permetterne la congelazione per la stagione invernale. Comunque fatto sta che ogni volta mi delizia con delle ricette semplici e gustose. Lei, in verità dice di essere sempre in imbarazzo a cucinare per me perché crede di non saper fare molto bene, ma invece posso assicurarvi che non é vero, potete chiedere conferma all’ing. che ancora decanta le sue lenticchie!  Da casa MiFa – acronimo- usciamo sempre con la pancia piena ed il palato felice. Questo pane é stato l’antipasto della nostra cena dell’ultimo dell’anno e mi é piaciuto talmente tanto che, senza vergogna, le ho chiesto le ultime fette per portarmelo via e fotografarlo. Si tratta di un’ottima idea per i futuri pic nic primaverili o appunto per aprire una cena in compagnia di cari amici, come lo é stata la nostra. A proposito é stata la prima volta che la piccola cavallerizza e i suoi due cuccioli hanno raggiunto la mezzanotte, quindi anche per questo grazie per la piacevolissima serata e per questo buon pane!

INGREDIENTI per 6 persone:

  • 1 ciabatta grande
  • 240 grammi di tonno in olio di oliva
  • latte per ammorbidire la mollica del pane
  • 10 capperi
  • 2 uova sode
  • 70 grammi di olive verdi snocciolate
  • sale
  • olio extra vergine di oliva
  • origano se vi piace

PREPARAZIONE:

  1. tagliare il pane e svuotarlo parzialmente della mollica
  2. ammorbidire la mollica con il latte – circa 3 cucchiai –
  3. tritare le olive, le uova sode e i capperi e aggiungerli al tonno sgocciolato
  4. lavorare insieme la mollica con gli altri ingredienti e l’origano
  5. aggiustare di sale ed aggiungere un filo di olio extravergine
  6. riempire la ciabatta, chiuderla ed avvolgerla parzialmente nella stagnola
  7. lasciarla riposare 2 ore prima di affettare e servire

Breve storia del Cake del Salumiere e dell’arbitro di Hockey


cake salumiere “Che prepari stasera per cena? ti ricordi che vengono i nostri amici?”. Tutte le volte che abbiamo ospiti, l’ing. verso le 12.00 del giorno incriminato, esordisce sempre con questa domanda. Complice il fatto che alle 12.00 mi trova ovunque ma non ai fornelli. Poi apre il frigorifero preoccupato ed aggiunge ” ma hai fatto la spesa?”. Ed io rispondo ” non ho avuto tempo di fare la spesa e tutto quello che c’era lo ha mangiato il nostro compare gatto”. Abbiamo un gatto che é ospite nel nostro giardino ed in cambio di qualche pasto tiene lontane, talpe e martore. Aggiungo “qualcosa, alla volta di stasera prepareremo” e intanto sogghigno. Poi sgattaiola in cucina la piccola cavallerizza, che poi tanto piccola non lo é più, e sorniona aggiunge “papi, non hai ancora imparato a guardare nei posti giusti” e apre lei il frigorifero mostrando all’ing. il ripiano sul quale tutti gli ingredienti per la cena erano stati già preparati. E allora lui guarda curioso e non ancora soddisfatto aggiunge ” come mai da una parte ci sono pezzi di salame, uova e noci?”. “Che domande” rispondo io ” ma per cucinare il Cake del Salumiere”. E così abbiamo preparato questo Cake salato che avrebbe dovuto essere servito come aperitivo per l’arbitro di Hockey e signora, ma poi la cena é diventata un pochino rocambolesca, ma questa potrebbe essere un’altra storia, e alla fine lo abbiamo mangiato insieme al resto della cena ad un’orario ben più tardo rispetto a quello pensato ma felici che fosse finito tutto bene.  Tornando alla ricetta, amiamo i cake io e tutte le persone che mi vogliono bene, così li propongo spesso alla mia tavola. La  base é semplicissima e si presta ad essere arricchita come si vuole. Last but non least: la ricetta in questione é presa da Cake dolci e salati di Ilona Chovancova, un libro valido soprattutto per la parte salata. INGREDIENTI:

  • 180 grammi di farina 0
  • 3 uova
  • 100 ml di latte
  • 100 ml di olio di noci (io ho usato metà sesamo e metà oliva)
  • 100 grammi di formaggio stagionato grattato
  • 120 grammi di salame a cubetti
  • 100 grammi di peperone rosso arrosto a filetti (la ricetta originale non utilizzava il peperone e arricchiva la carne con pancetta e chorizo ma io lo preferisco con la nota fresca del peperone)
  • 1 manciata di nocciole e noci tritate al coltello
  • 1 bustina di lievito
  • sale e pepe

PREPARAZIONE

  1. setacciare insieme tutti gli ingredienti secchi – farina, lievito e faormaggio- e da una parte mescolare tutti gli ingredienti liquidi
  2. metterli insieme in una tonda abbastanza capiente ed amalgamare il tutto con una frusta
  3. aggiungere la farcitura: salame,nocciole e noci, e peperone e girare ancora
  4. foderare di carta da forno uno stampo da plum cake, versarvi l’impasto e cuocere senza grill, in forno caldo a 170 gradi per 45 minuti circa.

Le Piadine CRM in versione Messicana, con pollo, chorizo e pomodori


Le Piadine CRM in versione Messicana, con pollo, chorizo e pomodori
Recipe Type: antipasti
Author: Germana
Prep time: 10 mins
Cook time: 7 mins
Total time: 17 mins
Serves: 8
Metti una sera a cena con una piadina in versione messicana ed una bella birra con il lime! ecco nelle serate estive questa é una delle mie cene preferite. Come vi ho già detto sto provando alcune piadine della CRM e l’altra sera ho così sperimentato quella biologica di grano grezzo e anche quella di kamut. Tutte e due buonissime. Io le ho farcite con pollo, chorizo,pomodori e insalata e le gustate accompagnate da una bella birra. Ottime davvero. Se volete potete anche servirle in versione finger food: ovvero arrotolate e tagliate a rondelline. Vedrete farete il vostro figurone! perché le piadine CRM sono anche super arrotolabili. Buon appetito allora con la piada farcita alla messicana!
Ingredients
  • 4 piadine CRM di Kamut
  • 4 piadine CRM all’olio di oliva bio
  • chorizo
  • formaggio a media stagionatura
  • il succo di mezzo lime
  • 300 grammi di petto di pollo cotto alla griglia e tagliato a striscioline
  • pomodorini tabasco
  • qualche foglia di insalata
Instructions
  1. farcite ogni piadina con 2 foglie di insalata, 3 pomodorini tagliati a metà, qualche goccia di tabasco, qualche goccia di succo di lime,striscioline di pollo, 4 fette di chorizo e del formaggio tagliato a scaglie
  2. arrotolate e servite le vostre piadine tagliate a metà oppure a rondelle per una cena finger food

 

Tigelle della CRM con tacchino, pomodori e insalata


Tigelle della CRM con tacchino, pomodori e insalata
Recipe Type: antipasti
Author: Germana
Prep time: 10 mins
Total time: 10 mins
Serves: 4
Oggi vi parlo di una collaborazione che ho con la CRM, una ditta romagnola che produce tigelle e piadine. Ne fanno davvero di tanti tipi: all’olio di oliva, al kamut e biologiche, insomma c’é davvero solo l’imbarazzo della scelta. Io ho provato queste tigelle ieri a pranzo e le ho trovate sia molto buone ma anche estremamente digeribili. Le ho farcite con tacchino, formaggio, pomodori ed insalata, poi le ho servite con della maionese fatta in casa. Così chi vuole può intingerle nella salsa, chi invece vuole mantenersi più light le gusta così al naturale. Ad ogni modo deliziose! poi in questa stagione avere delle tigelle CRM in casa fa sempre comodo, per un aperitivo improvvisato o anche per una cena fredda o un pranzo leggero! buon appetito!
Ingredients
  • 1 confezione di tigelle CRM
  • 120 grammi di petto di tacchino affettato
  • scaglie di grana
  • 8 pomodorini
  • qualche foglia di lattuga
  • olio e.v.o
  • maionese
Instructions
  1. scaldate appena le tigelle (seguite le indicazioni sulla confezione per mantenerle morbide)
  2. poi tagliatele a metà e farcitele con il petto di tacchino, qualche scaglia di grana, una foglia di lattuga ed 1 pomodorino tagliato in 4
  3. condite con un filo di olio e.v.o e tagliatele a metà
  4. servite con maionese fatta in casa e buon pranzo!